+
Miscellanea

Le osservazioni di un venditore di crepe sulla cacciata di Sarkozy

Le osservazioni di un venditore di crepe sulla cacciata di Sarkozy

Un venditore di crepe confronta la politica dei parigini e le loro abitudini di acquisto di crepe quando Hollande sale al potere.

LA SCORSA NOTTE, AZIZ HA CHIUSO presto il suo chiosco di snack dai colori vivaci. Le barriere della polizia impedivano a potenziali clienti di prendere un waffle con Nutella o una crepe ripiena, quindi non aveva molto senso restare aperti fino a tardi.

Ma anche dopo aver chiuso il negozio, Aziz è rimasto a guardare la festa. Dopo tutto, è stata un'esperienza unica nella vita. Il candidato socialista François Hollande era stato appena eletto presidente (con il 51,62% dei voti contro il 48,38% di Sarkozy) e dal tardo pomeriggio le sue migliaia di sostenitori si erano riversate a Place de la Bastille. Musica suonata; la gente cantava, beveva e gridava. È stata una festa esuberante ed eccitata che ha celebrato fino a quando François Hollande non è salito sul palco poco dopo mezzanotte (il neoeletto presidente ha iniziato il suo discorso dicendo "Non so se puoi sentirmi, ma posso sentirti!") E continuò ben dopo.

Aziz ha detto che l'energia gli ha ricordato l'energia alla manifestazione per il candidato di estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon, che ha ispirato una moda passeggera all'inizio delle elezioni.

E Aziz è ben qualificato per commentare. Il suo stand in crepe è ben posizionato per guardare lo svolgersi della politica francese. Spostandosi tra Place de la Bastille e Place de la République, Aziz vende snack ai partecipanti ad alcune delle più importanti manifestazioni e proteste politiche a Parigi. Dai lavoratori sindacali ai sostenitori di Hollande, dalla Francia rurale agli immigrati privi di documenti, Aziz ha una fetta della Francia moderna da dietro il suo bancone mentre fornisce a tutti crepes alla Nutella.

I dati demografici dei clienti

Chiedo ad Aziz se diversi segmenti della società francese differiscono come clienti.

"Proprio come differiscono nella vita, sono diversi davanti al mio stand", ha detto.

I suoi preferiti sono le manifestazioni organizzate dalla CGT (Confederazione generale del lavoro), uno dei sindacati più grandi e affermati della Francia. Dice che i lavoratori portano le loro famiglie e finiscono per spendere "più di 20 euro per sfamare tutti".

D'altra parte, quando i disoccupati si riuniscono per chiedere più benefici, "non vendiamo nulla", dice Aziz, ridendo. "Non hanno soldi per una crepe alla Nutella."

Sfortunatamente, in un periodo economico difficile, i poveri si stanno radunando più che mai, dice Aziz. Durante le elezioni, l'economia e la sicurezza economica erano all'apice delle preoccupazioni dei cittadini francesi.

"Il tipo di persone che votano il Front National è il tipo di persone che si può dire che non si sentano a proprio agio nell'acquistare da un arabo quando vengono al tuo stand".

Molti elettori, avvertendo la minaccia dell'insicurezza, si sono rivolti al partito di estrema destra, il Front national, e alla candidata Marine Le Pen, che ha ottenuto un numero sorprendente di voti al primo turno delle elezioni. Anche se l'estrema destra non tiene raduni nelle regioni parigine orientali in cui ha sede Aziz, spesso si imbatte in loro in estate quando porta la sua bancarella di crepe sulla strada con una fiera itinerante. La più grande base di sostegno per l'estrema destra è nelle zone rurali.

"Il tipo di persone che votano il Front National è il tipo di persone che si può dire che non si sentano a proprio agio nell'acquistare da un arabo quando vengono al tuo stand", dice francamente Aziz. "Non saranno gentili al riguardo."

Ciò evidenzia una delle più grandi critiche dell'estrema destra: sono di mentalità chiusa nei confronti degli immigrati e spesso considerati razzisti.

Anche l'immigrazione è stata una questione chiave in queste elezioni. Dopo che Le Pen ha ottenuto una grossa fetta di voti al primo turno, Sarkozy ha cercato di ottenere i voti dei suoi sostenitori virando all'estrema destra. Alla fine, questa linea politica gli ha fatto perdere sia voti che approvazioni (ad esempio, il candidato centrista François Bayrou ha appoggiato Hollande) e ha fatto sì che la sinistra si radunasse contro di lui ('Beat Sarkozy!' È stato il grido di battaglia finale del candidato di estrema sinistra Jean -Luc Mélenchon).

Per Aziz, lui stesso un immigrato, questo ha senso.

"La Francia non è fatta solo di francese in questi giorni", ha detto. “Ci sono persone da ogni parte. Dobbiamo imparare a vivere insieme ".

Ha detto che questi immigrati svolgono un ruolo vitale nella società francese.

“Dopo tutto, i francesi si riuniscono qui per protestare o per festeggiare, ma chi vende loro cibo? E chi pulirà dopo di loro il giorno successivo? " ha detto, riferendosi all'enorme sforzo di pulizia avviato nelle prime ore del mattino a seguito di qualsiasi grande manifestazione o evento.

Il futuro

Aziz è abbastanza felice che Hollande sia il futuro presidente della Francia - dice che segna un nuovo capitolo. Ma non si aspetta miracoli dal ragazzo etichettato "Mr. Normale ”dai giornalisti.

"Stiamo solo sperando in qualcosa di un po 'meglio", ha detto, esprimendo un sentimento diffuso in tutta la Francia questo giorno dopo le elezioni.

Nel frattempo, Aziz - che rappresenta i valori francesi tradizionali (cosa c'è di più francese di una crepe?) E quelli nuovi (lui stesso è un immigrato) - continuerà a osservare la Francia da dietro il suo bancone. E continuate a servire crepes calde e ripiene di Nutella.

[Nota: questo post è apparso per la prima volta nella sua forma originale sul blog di Brenna.]


Guarda il video: Stereotipi Razziali tra la Gente - Esperimento Sociale - Relative (Marzo 2021).